Apri una
società in Estonia (EU)
con VAT a soli 8.000 €

Sei un’azienda?
Un libero professionista?
Un privato?
Apri una società in Estonia.

CONTATTACI

——— 01

Aprire una società in Estonia: vantaggi

I vantaggi principali di una società in Estonia sono:

  • Burocrazia rapida e snella
  • Tassazione leggera
  • Basso Cuneo fiscale

Sicuramente avrai sentito parlare del fatto che l’Estonia è stato il primo Paese al mondo ad aver istituito la residenza digitale per attrarre cervelli da tutto il globo e favorire l’apertura di nuove imprese digitali. L’e-residency consente di acquisire, sotto determinati aspetti, gli stessi diritti che spettano ad un residente: aprire un’impresa in Estonia, presentare istanze e richieste di certificati alla pubblica amministrazione, pagare le tasse ecc.

L’Estonia è nei primi posti in Europa, tra i Paesi in cui è registrato il maggior numero di startup attive. Insomma, l’e-residency in Estonia è stata una riforma di grande impatto.
Ecco alcuni dati che dimostrano il successo dell’iniziativa:

  • Il 98% delle aziende sono avviate online;
  • Il 99% delle transazioni bancarie sono effettuate elettronicamente
  • Il 95% delle dichiarazioni fiscali sono presentate online in soli 3 minuti!

02 ———

Vantaggi fiscali di una società in Estonia

Aprire un’azienda in Estonia consente di beneficiare di uno dei regimi fiscali più favorevoli al mondo:

  • se i profitti societari sono reinvestiti nella società, senza che gli stessi siano distribuiti ai soci, l’aliquota dell’imposta sui redditi è pari allo 0%.

Tuttavia, quando l’utile è percepito sotto forma di dividendo, viene applicata un’imposta del 20% nel periodo d’imposta in cui è avvenuta la distribuzione.

Conviene la tassazione al 20% solo sulla distribuzione dei dividendi?

Questa caratteristica del sistema fiscale estone rappresenta un vantaggio soprattutto per le nuove imprese, che sono in procinto di lanciare un nuovo brand ed accrescerlo. Allo stesso modo, ne traggono vantaggio anche coloro che hanno avviato una nuova impresa in Estonia, con la strategia di sfruttare un’economica di scala.

È il caso, ad esempio, di un’impresa che vende su Amazon.com prodotti di importazione cinese. L’azienda in questione, almeno in fase iniziale, avrà tutto l’interesse a battere i competitors sul prezzo e, per implementare tale strategia, ha necessita di avere il livello di tassazione più basso possibile, reinvestendo i profitti societari.

L’aliquota IVA standard che si applica sulle attività d’impresa in Estonia è del 20%.

Esiste un’aliquota ridotta del 9%, che si applica alla vendita di prestazioni alberghiere, di libri e prodotti farmaceutici.
Va ricordato che l’Estonia fa parte dell’Unione Europea, pertanto, tutti i beni e i servizi venduti ad altre imprese comunitarie, localizzate al di fuori del Paese, non sono imponibili ai fini IVA.

In Estonia, in materia IVA esiste la possibile aprire una società in Estonia senza registrarla ai fini IVA, ottenendo l’esenzione totale dall’imposta sul valore aggiunto anche sulle vendite effettuate in Estonia. Tuttavia, questo vantaggio è riconosciuto solo a chi provvede ad aprire una società estone, conseguendo un fatturato annuo non superiore ad Euro 40.000.

Tra l’altro, aprire un’impresa in Estonia con fatturato non superiore alla sopracitata soglia, consente di ottenere enormi semplificazioni a livello contabile e fiscale. È come aprire una ditta individuale in regime forfettario in Italia (con fatturato annuale non superiore € 65.000) o una small ltd in Inghilterra (con fatturato annuale non superiore a 85.000 £).

La differenza sostanziale con il regime forfettario in Italia però consiste:

  • nel fatto che in Estonia si può costituire una vera e propria società a responsabilità limitata, con uno o più soci;
  • nella possibilità di poter scaricare dal reddito societario l’ammontare effettivo dei costi sostenuti (anziché costi forfettari);
  • nella possibilità di poter risparmiare i contributi previdenziali e assistenziali, che in Estonia non sono obbligatori per gli amministratori di società.
Da non dimenticare l’aspetto più rilevante:

la tassazione al 20% solo nel caso in cui gli utili della società estone siano effettivamente distribuiti ai soci.

Abbiamo detto che una società estone è soggetta alle Imposte sui Redditi con aliquota l 20% solo se l’utile conseguito dall’impresa è distribuito sotto forma di “dividendo”. Per distribuzione si intende: il passaggio materiale del capitale dal conto societario dell’impresa estone ai conti personali dei soci.

Quindi, tutti gli utili che rimangono in azienda sono esentasse.

Tale esenzione copre sia le tipologie di reddito attive (ad esempio commerciali) che passive (ad esempio dividendi, interessi, royalties), nonché le plusvalenze derivanti dalla vendita di tutti i tipi di attività, incluse azioni, titoli e beni immobili.

Specificamente, l’Estonia applica un’imposta sostitutiva del 20% solo sugli utili distribuiti come dividendi, riacquisti di azioni, riduzioni di capitale, proventi della liquidazione o distribuzioni di utili presunti. Le imposte sul reddito al tasso del 20% sono addebitate sui dividendi lordi.

TASSAZIONE IN ESTONIA

La tassazione rappresenta un aspetto essenziale che ogni impresa, che intenda stabilirsi in Estonia, deve conoscere. BSD ti guiderà nel mondo fiscale estone, indicandoti le scelte più idonee alla tua attività, grazie ai nostri esperti sempre aggiornati sulle novità che avvengono in materia tributaria.

In elenco una sintesi sulla tassazione in Estonia:

  • Imposta sulla società
    Una società registrata in Estonia non è tenuta a pagare questa imposta (che è pari a 0%), se i profitti sono reinvestiti nella società o per operazioni connesse ad essa, invece lo sarà, se tali somme saranno destinate ad essere distrbuite tra i soci. Se si decide di destinare l’utile tra i membri della stessa, viene applicata una imposta del 25% sui dividendi. Inoltre, le eventuali spese non direttamente connesse all’attività, come quelle di rappresentanza, regali, e donazioni, sono soggette a tale imposta.
  • IVA
    Tale imposta riguarda la vendita di tutti i beni e i servizi, e anche l’importazione di merci provenienti da Stati non membri dell’UE. L’aliquota è pari al 20%, mentre per libri, medicine e servizi alberghieri è pari al 9%. Le voci non soggette all’IVA comprendono cure mediche, servizi postali, assicurazioni e operazioni di trasporto internazionale.
  • Tassa sul reddito
    L’aliquota per l’imposta sul reddito in Estonia è pari al 20%. L’ammontare minimo che non è soggetto ad essa nell’anno 2016 è 170 euro al mese.
  • Tassa sociale
    L’aliquota per questa imposta in Estonia è pari al 33%. Si è tenuti a pagare tale imposta, quando si ricevono i pagamenti o vi sono delle entrate. La tassa sociale per i dipendenti di una compagnia è pagata dal datore di lavoro.
  • Tassa fondiaria
    L’aliquota è del 0,1 – 2,5% all’anno ed è influenzata dal costo del terreno. La persona fisica o giuridica, proprietaria del suolo, è tenuta a versare tale contribuzione fiscale(gli immobili non sono soggetti ad alcuna imposta).
  • Assicurazione contro la disoccupazione
    L’aliquota è del 1,6% per il dipendente e dello 0,8% per il datore
  • Contributo previdenziale
    L’aliquota è pari al 2% o 3%.

Compila il modulo
il nostro team di specialisti si metterà in contatto con te