I paradisi fiscali cosa sono? Sono territori dove vige una particolare amministrazione e giurisdizione per cui offrono ai residenti e a coloro che vi stabiliscono la propria attività o aprono un conto corrente bancario, dei considerevoli vantaggi fiscali ed economici. Un tempo la lista nera dei paradisi fiscali era molto lunga, oggi invece grazie a degli accordi tra paesi europei e altri paesi esteri, l’elenco dei paradisi fiscali si suddivide anche in paesi appartenenti alla lista bianca e alla lista grigia.

COS’È LA LISTA NERA DEI PARADISI FISCALI

La lista nera dei paradisi fiscali, nota anche come black list, comprende tutti quei paesi che non offrono scambio di dati e trasparenza sulle informazioni in loro possesso riguardo cittadini esteri che operano nella loro giurisdizione. Nell’elenco dei paesi black list 2017 figurano paesi non cooperativi secondo la lista nera dei paradisi fiscali stilata dall’Ocse e questa lista è stata fatta per aiutare i Paesi Ue nella lotta contro l’evasione e l’arbitraggio fiscale.

BLACK LIST E PARADISI FISCALI EUROPEI

L’Agenzia delle entrate aggiorna la black list ogni anno e vi sono inseriti paesi con l’obbligo di monitoraggio da parte dell’Amministrazione Finanziaria delle attività economiche intercorse tra imprese italiane e imprese domiciliate in questi paesi che sono a fiscalità privilegiata, questo contro le frodi fiscali internazionali e nazionali. Nonostante questo ai paradisi fiscali non appartengono solo isole sperdute in mezzo all’Oceano ma esistono paradisi fiscali anche in Europa, ovvero paesi a fiscalità privilegiata e regimi agevolati per le imprese, come Il Principato di Monaco, San Marino, Cipro, Malta, Andorra, Liechstenstein, Lussemburgo, Svizzera anche se non appartenenti tutti alla lista nera dei paradisi fiscali.

VARI TIPI DI PARADISO FISCALE

Quindi i paradisi fiscali nel mondo sono tanti e vari e si trovano praticamente dappertutto, ogni stato o nazione ha i propri paradisi fiscali e spesso nella scelta del migliore paradiso fiscale per i propri scopi non è necessario analizzare la lista nera dei paradisi fiscali bensì si può puntare a quei paesi definiti paradisi fiscali facenti parte della white list. Un esempio è quello offerto dallo stato del Delaware, un paradiso fiscale americano che offre i vantaggi delle sue llc ovvero le società a responsabilità limitata dell’ordinamento giuridico degli Stati Uniti d’America però la giurisdizione non si trova nella lista dei paesi black list dei paradisi fiscalinonostante sia tra i più sfruttati paradisi fiscali nel mondo. Ad oggi in Italia le imprese che effettuano acquisto e/o cessioni di beni e servizi con Paesi appartenenti alla Black List ovvero alla lista nera dei paradisi fiscali devono presentare il modello di Comunicazione Operazioni Black List.