fbpx

Aprire un conto offshore: lo spread ci riporta in Svizzera

Dopo un periodo di stasi, il 2018 ci riporta ad una consuetudine che è ben radicata nell’immaginario degli italiani: aprire un conto offshore in Svizzera; questa volta però cambiano i presupposti.

Sembra infatti che non sia la paura del fisco il vero motivo di questo revival, bensì il tanto temuto spread.

Molti italiani, sempre più preoccupati per i propri risparmi e per la fatica nel conservarli, consci che la situazione del Paese è incerta e rischiosa, decidono di approdare nel porto sicuro d’oltralpe, bussando alle porte degli istituti bancari di Lugano. L’uscita dei patrimoni italiani dai confini nazionali è già iniziata da qualche mese e non riguarda speculatori, ma famiglie e semplici risparmiatori.

Le paure più ricorrenti? Scenari estremi: crisi bancaria, uscita dell’Italia dall’euro, blocco dei capitali come accadde in Grecia o a Cipro. Paure esagerate? Può essere, ma  stanno indubbiamente condizionando i comportamenti dei nostri connazionali.
Non esistono numeri ufficiali che descrivano la portata del fenomeno, ma è certo che esiste e deve far riflettere. Banchieri, private banker e gestori di patrimoni confermano che non sono poche le famiglie italiane che stanno spostando parte delle loro ricchezze nei territori elvetici. L’idea di portare soldi all’estero si sta insinuando sia nelle famiglie ricche che in quelle benestanti.

Se ci chiediamo perché aprire un conto offshore proprio in Svizzera, le risposte sono abbastanza semplici e in linea con quella che è la tradizione e la credibilità di questo paese dal punto di vista bancario. Innanzitutto questa giurisdizione è vicina e il suo nome è da sempre sinonimo di solidità finanziaria. Aprire un conto in questo paese è legale, se si possiedono ovviamente i requisiti necessari. Come già sappiamo inoltre, la gestione delle attività finanziarie avviene in maniera più veloce che in Italia. Questi sono i plus già conosciuti, che attirano sempre più italiani, come confermano gli stessi banchieri svizzeri, che hanno riscontrato una maggiore richiesta di informazioni per aprire un conto. Già a partire da Maggio 2018 è apprezzabile l’incremento delle richieste di informazioni sui costi e sulle opzioni di investimento disponibili.

Insomma, l’evoluzione della situazione politica italiana preoccupa e spinge molti a pensare a soluzioni che possano tutelare i propri risparmi.

Se anche tu sei interessato ad aprire un conto offshore nel paradiso fiscale della Svizzera non esitare a contattarci.

: